Marchi dott. Massimo

Marchi dott. Massimo
Dottore Commercialista - Revisore Legale dei Conti

CURRICULUM

Marchi Dott. Massimo nato a Pesaro (PU) il 08/03/1962 residente a Pesaro (PU) coniugato, due figli.


CURRICULUM VITAE
-
Ha conseguito la laurea in economia e commercio
a 23 anni presso l'Università di Ancona il 29 ottobre 1985. Abilitato
all'esercizio della professione di Dottore Commercialista a 24 anni nella prima
sessione 1986;
-
Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di
Pesaro n.ro 134/A dall’11 settembre 1986;
-
Iscritto nell’ Elenco dei Revisori dei conti degli
Enti Locali Fascia 1 - Fascia 2 – Fascia 3;
-
Svolge la professione di Dottore Commercialista
con studio in C.so XI Settembre n. 79 a Pesaro dal 1 marzo 1986;
-
Iscritto al ruolo dei consulenti
Tecnico-Giudiziari del Tribunale di Pesaro dal
08 gennaio 1991;
-
Iscritto dal 1992 all'Albo dei Revisori
Contabili al n.ro 35224 ai sensi del D. Lgs. 27.1.1992 n. 88 e del DPR 20/11/92
n. 474 con Decreto Ministeriale 12.4.1995 G.U. n. 31 bis del 21.4.1995;
-
Consigliere di amministrazione del Consiglio di
Amministrazione dell'Università di Urbino dal 02/12/1998 al 15/12/2000;
-
Consigliere dell'Ordine dei Dottori
Commercialisti di Pesaro e Urbino nel triennio 1996-1998;
-
Consigliere dell'Ordine dei Dottori
Commercialisti di Pesaro e Urbino nel triennio 1999-2001;
-
Consigliere Regionale dell’Associazione
Dottori Commercialisti delle Marche dal 1992 al 1995;
-
Consigliere Nazionale dell’Associazione Dottori
Commercialisti dal 1996 al 1999;
-
Sindaco revisore supplente dell’E.R.S.U.
dell’Università di Urbino dal 2001;
-
Componente del Collegio Sindacale dell’Ente
Rossini Opera Festival per il quadriennio 2003 – 2007.
-
Componente del Collegio Sindacale dell’Ente
Rossini Opera Festival per il quadriennio 2007 – 2011.
-
Componente del Nucleo di Valutazione nomina del
Ministero dell’Università del Conservatorio Statale di Musica “ G. Rossini” per
il triennio 2006 – 2009.
-
Componente del Nucleo di Valutazione nomina del
Ministero dell’Università del Conservatorio Statale di Musica “ G. Rossini” per
il triennio 2009 – 2012.
-
Componente del Collegio dei Revisori del Comune di Pesaro per il triennio 2009-2012;
-
Componente del Collegio dei Revisori del Comune di Pesaro per il triennio 2012-2015.
-
Componente del Nucleo di Valutazione del Conservatorio Gioacchino Rossini triennio 2019-2021 Ministero dell'Università e Della Ricerca-

Presta consulenze aziendali, controllo di gestione, crisi d'impresa, revisione legale, societarie,
contabili, amministrative e fiscali a diverse aziende dell’abbigliamento e
calzature, della meccanica di precisione e moto, della produzione del mobile e
dell’arredamento, della produzione e del commercio di in genere.
- Consulenza Aziendale, Fiscale, Societaria, Successoria e Divisioni tra Eredi, Procedure Concorsuali e Ristrutturazioni Aziendali.







sabato 11 giugno 2011

riflessioni sul 2011

Nelle aziende di riferimento il punto di equilibrio finanziario si mantiene con un debito pari a 2 volte il patrimonio, così proporzionato:

- un terzo banche

- un terzo fornitori

- un terzo capitale.

le imprese italiane in media hanno 4,17 euro di debito per ogni euro di patrimonio.


la Parola "Metodo" deriva da due parole greche, metà e odòs, che significano: stando sulla strada.

Il mondo cambia in fretta. Nuova storia bussa alle porte dell'Italia e delle nostre case. Occorre aprire la finestra e cogliere le rivoluzioni dei popoli, il grido di riscatto del Sud, sognare una rivolta morale che rimetta il lavoratore al centro dell'agenda politica ed economica.

Antoine de Saint-Exupéry quando scrive: "Se vuoi costruire una nave, non devi per prima cosa affaticarti a chiamare la gente per raccogliere legna e preparare gli attrezzi; non distribuire i compiti, non organizzare il lavoro. Ma invece prima risveglia negli uomini la nostalgia del mare lontano e sconfinato. Appena si sarà risvegliata, in loro, questa sete, si metteranno subito al lavoro per costruire la nave".

la radice di tutti i mali è l'avidità del denaro. (San Paolo)

È ora dominante l’imperativo per cui l’unica cosa che conta è la redditività; tanto la stabilità è automatica. Infatti, se l’impresa è redditizia significa che è efficiente, e poiché sul mercato rimangono solo i soggetti efficienti, quell’impresa alla fine sarà stabile.

Non è in corso una normale crisi ma una rivoluzione che si protrarrà per anni e che ci impone di tenere sotto controllo tutti i fattori. Abbiamo un disegno e non lasceremo indietro nessuno.

Beati quelli che sognano e sono disposti a pagare il prezzo più alto perché il loro sogno prenda corpo nella vita degli uomini.

L'esperienza è il nome che diamo ai nostri errori. Ma è anche il processo che ci consente di migliorare la nostra capacità di giudizio.

la rapida riduzione del corpo indutraile del nostro distretto e la sua terziarizzazione comporta un passaggio ai servizi che porta a minore ricchezza, fà perdere identità e disgrega la coesione sociale.

la manifattura e industria hanno in se stesse un maggiore valore aggiunto di quanto ne possa generare la pura cessione di servizi, anche se specialistici in un mercato di concorrenza.

L'idea che si possa risolvere rapidamente una crisi finanziaria non ha senso.

Andare bene facendo del bene.

oggi i problemi economici dell'Italia riflettono anche un problema più generale di tipo culturale. La diffusione di valori, atteggiamenti , credenze che ostacolano il buon funzionamento di un'economia di mercato in uno stato di diritto e il buon funzionamento delle isituzioni pubbliche in una democrazia liberale.

Le tasse sono il prezzo che si deve pagare per una società civilizzata.

Innovare é d'obbligo per riuscire a vendere prodotti di qualità a un prezzo più elevato.